Nuova Intervista con l'annuncio di un Nuovo Disco

Bold Journey ci ha raggiunti di nuovo recentemente e la nostra conversazione è stata tutta incentrata sulla musica

RASSEGNA STAMPA

Staff

1/26/20245 min leggere

Intervista per il giornale statunitense Bold Journey (testo originale al link).

<<È tutta la vita che compongo musica elettronica e sperimentale, e il processo di fare arte con le tecnologie implica l'editing e mastering tanto quanto l'atto compositivo stesso, esattamente come avviene nel fare cinema e film. Quando tagli e componi modificando immagini e suoni, offri al mondo, come autore e regista, la tua visione del mondo. Lavoro con i suoni allo stesso modo e allo stesso tempo lavoro sulla percezione, sulla coscienza e sulle stesse capacità umane.

Sono sempre stata coinvolta nei processi di indagine letterari e tutto ciò che faccio è molto legato al vero significato della filosofia, che, nella mia esperienza, è un tutt’uno con il fare arte.>>

Di seguito il testo integrale tradotto.

Romina, siamo entusiasti di averti sulla nostra piattaforma e pensiamo che ci sia così tanto che le persone possano imparare da te e dalla tua storia. Qualcosa che conta profondamente per noi è vivere una vita e condurre una carriera piene di scopi, quindi iniziamo parlando di come hai trovato il tuo scopo.

Il mio ultimo progetto compositivo e discografico è uscito il 24 dicembre di qualche anno fa, con il nome “Spannung”. Si tratta di un triplo CD audio con 31 tracce, un booklet di 36 pagine e 3 ore di musica, tra elettronica e vocalità. Include anche tre temi intitolati "Dasein".

‘Dasein’ significa Essere-qui: «Essere il qui»: «mettere in gioco il proprio essere nell’essere stesso» come responsabilità originaria di dare un senso autentico e più proprio. Mentre ‘Spannung’ è il termine con cui Martin Heidegger indica l’apertura, lo spaziamento, la tensione (e lo struggimento) dell’essere nella dimensione dell’autenticità dell’esistere.

Facendo ricerche a Berlino, mi sono addentrata sempre più nel campo della fotografia. Quello che faccio con la fotografia è arte visiva con le tecnologie, proprio come faccio con la musica e la vocalità con le tecnologie. È tutta la vita che compongo musica elettronica e sperimentale, e il processo di fare arte con le tecnologie implica l'editing e mastering tanto quanto l'atto compositivo stesso, esattamente come avviene nel fare cinema e film. Quando tagli e componi modificando immagini e suoni, offri al mondo, come autore e regista, la tua visione del mondo. Lavoro con i suoni allo stesso modo e allo stesso tempo lavoro sulla percezione, sulla coscienza e sulle stesse capacità umane.

Sono sempre stata coinvolta nei processi di indagine propriamente letterari e tutto ciò che faccio è molto legato al vero significato della filosofia, che, nella mia esperienza, è un. tutt’uno con il fare arte.

Quindi anche la multimedialità e la filosofia sono una sola cosa.

Ciò può sembrare scontato visto il mondo com’è oggi, ma la tecnologia fa il suo ingresso nel mondo a un certo punto, poco più di un secolo fa. E ciò che fa, entrando nel mondo, è un completo cambio di paradigma. La fotografia e il cinema, così come la musica registrata, permettono all'essere umano, da quel momento in poi, di riprodurre la realtà innumerevoli volte. Come mai prima. Tutti i campi della cultura sono cambiati completamente da quel momento. Ecco perché quando registro un suono sono consapevole che le tecnologie che sto utilizzando sono il materiale principale del processo, tanto quanto lo è il suono. Non ci limitiamo a registrare musica e scene di vita come un fatto accaduto e conclusivo, copiando poi dischi e dischi. Piuttosto, registriamo ed elaboriamo in quanto creiamo e ricerchiamo.

Apprezziamo le intuizioni e la saggezza. Prima di andare più a fondo e chiederti quali sono le competenze che contano e altro ancora, forse puoi parlare di te ai nostri lettori?

Come sai i campi in cui opero sono tanti e i principali sono sicuramente tre. RominaDanielePhotography.com è il terzo, ma non meno importante. Andando indietro, io e il mio partner abbiamo creato Jadys Daniele’s nel 2018 e RDM Records nel 2010. Tutto nasce a partire dal mio proprio percorso di musica e scrittura, e RominaDaniele.com è dove puoi saperne di più. Jadys Daniele’s è il progetto di musica dal vivo che abbiamo ospitato a Miami Beach per la stagione concertistica 2019, ed è ora ufficialmente legato a RDM Records. Anche la nostra etichetta di produzione si è spostata dall'Italia agli Stati Uniti, e io continuo a portare avanti la mia ricerca multimediale e filosofica, ampiamente aperta a molteplici mezzi come scritti, video e produzioni fotografiche.

Dal 2010 sono stata attivamente coinvolta nel progetto Berlino, in corso, che comprende una vasta gamma di elementi multimediali e ha abbracciato anche la fotografia. Nello stesso periodo avevo già iniziato a lavorare al libro «Solo Voice, saggio intorno al discorso vocale».

La voce è ciò che c'era all'inizio, una questione del corpo e del pensiero, il fulcro e la pietra miliare, e non esistono assolutamente altri luoghi o suoni simili. Quindi la musica, e tutto il processo del fare arte con tutti i nostri materiali-competenze-ambiti-connessioni) è un atto essenziale di comprensione anche nei confronti dell'uomo e del suo lavoro. Il saggio è ormai diventato un saggio epistemologico di più di 1000 pagine, ed è probabilmente da essere considerato il saggio di una vita, paragonabile all’opera di Marcel Proust.

Ci sono così tanti consigli da seguire su tutte le diverse abilità e qualità che le persone devono sviluppare per avere successo nell’ambiente altamente competitivo di oggi e spesso può sembrare troppo. Quindi, se dovessimo ridurlo solo alle tre che contano di più, su quali tre abilità o qualità ti concentreresti?

Credo che la mia risposta qui sia inclusa in ciò che ho detto finora. Filosofia e ricerca, tecnologie e composizione, l'«essere-il-qui» come energia principale in azione per creare e comprendere, condividere e diffondere.

Il primo obiettivo che bisogna avere per fare vera arte è la volontà di lavorare sulle connessioni, tra tecniche e materiali, tra livelli di percezioni e tra l'essere umano e l'universo.

Competenze, regole e abilità sono strettamente connesse alla vocazione di fare arte, dove il vero e unico obiettivo è afferrare la conoscenza e diffonderla per il bene proprio e dell'intero genere umano.

L'azione di lavorare e creare è tutto ciò in cui ci troviamo (il modo in cui si fa) e nessun soggetto può spostarci dal percorso (le cose che si possono fare). Si può essere «una sola moltitudine» (RIF. Fernando Pessoa) con tante tecniche e discipline. Non ci sarà alcuno scopo finale se non quello principale che implica tutto, l'unico e il più importante, quello che rimane: come essere cosciente e pensante aperto alla connessione con il senso più puro e originario dell'esistenza.

Okay, allora prima di andare ci piace sempre chiedere se stai cercando persone con cui collaborare?

Sono continuamente aperta a entrare in contatto con altri artisti e musicisti, poiché intendo sempre promuovere ogni movimento, pensiero e attività mirati alla ricerca e alla sperimentazione. Il significato dell'essere è creare. Questo è il significato ultimo dell'essere umano, l'unico e il più importante, quello che rimane.

Poiché ultimamente ho parlato ampiamente del mio lavoro nelle arti visive come fotografa con articoli e interviste, e volevo annunciare il mio nuovo progetto compositivo e discografico con questo scritto oggi, elencherò qui i relativi link alla mia attività di produzione musicale.