Tra la fotografia e il significato di esistere: nuove interviste

Le nuove interviste su Canvas Rebel Magazine e Bold Journal.

9/30/20239 min leggere

Romina lavora con la fotografia da sempre, sin da quando viveva a Milano, puoi leggere tutti i passaggi che l'hanno portata più a fondo nel campo con la sezione About su rominadanielephotography.com.

Ultimamente ha avuto modo di spiegare ancora meglio il suo percorso con le interviste che qui riportiamo.

<<Si tratta di essere aperti sempre un pò di più alla comprensione del significato originale di ciò che siamo veramente. E condividere è per il nostro proprio bene e quello dell'umanità.>>

Canvas Rebel, 5 Settembre 2023
Bold Journal, 30 Settembre 2023

I testi originali sono disponibili ai suddetti link, qui di seguito riportiamo le traduzioni in Italiano.

>> Canvas Rebel

>> Bold Journal

BOLD JOURNAL, 30 SETTEMBRE 2023.

Siamo entusiasti di presentarvi la sempre interessante e perspicace Romina Daniele. Ci auguriamo che apprezzerete la nostra conversazione con Romina qui di seguito.

Romina, è così bello averti con noi oggi. Abbiamo così tanto in programma, quindi entriamo subito nel vivo. Viviamo in un mondo così diversificato e, sotto molti aspetti, sta diventando migliore e più comprensivo, ma è tutt’altro che perfetto. Ci sono così tante volte in cui le persone si ritrovano in stanze o situazioni in cui sono le uniche a somigliare a loro, il che potrebbe significare essere l'unica donna di colore nella stanza o l'unica persona cresciuta in un certo ambiente, ecc. ci parli di come sei riuscito a prosperare anche in situazioni in cui eri l'unico nella stanza?

Quando sei l'unico nella stanza ad essere come sei, sei già efficace o di successo, purché tutti siano affascinati dalla tua capacità di essere unico. Quando sei così, in realtà non fai nulla di strano per costruirlo perché ti sei trovato nato in quella condizione. Imparerai con gli anni a concentrarti prettamente sull'apertura della ricerca e sulla condivisione del bene, invece di essere vanitoso, e questo ti insegnerà ad essere sicuro e a proteggere il vero senso del fare arte dalla gelosia degli altri come dalla mania di mettersi in mostra.

Facciamo una piccola deviazione: forse puoi condividere qualcosa su di te prima di tornare ad alcune delle altre domande che avevamo per te?

Sono laureata con lode in Studi Cinematografici e ho approfondito le tecnologie applicate all'arte, le tecnologie del suono e la multimedialità mentre frequentavo il Conservatorio di Milano. Compongo musica elettronica da tutta la vita, e anche quando registro brani rock o blues sono io che mi occupo dell'editing e del mastering che considero parte del processo compositivo, poiché lavoro con i suoni così come lavoro sulla percezione, sulla coscienza e sulle capacità stesse dell'essere umano.

Ho completato studi classici e sono sempre stata coinvolta nei processi di indagine propriamente letterari, tutto ciò che faccio è molto legato al vero significato della filosofia che è un tutt’uno con il fare arte nella mia esperienza.

Ho ottenuto negli anni importanti premi e ho pubblicato libri e dischi. Sono entrata sempre più nel campo della fotografia iniziando un “progetto Berlino” in corso da circa 15 anni.

Lavoro con ogni tipo di cliente e la cosa speciale è probabilmente quella che chiamano il fine profondo del mio approccio. Come ho avuto modo di spiegare ultimamente, credo che si riferiscano all'arte in se stessa nel modo in cui la sento e la diffondo, come ciò di più legato al vero significato ultimo dell'essere umano, il modo in cui l'universo può parlarci in rapporto al senso dell'essere quale quello di creare, che è una sola cosa con l’essere consapevoli ed essere un po' più vicini al senso più puro e originario dell'esistenza.

Guardando indietro, quali pensi siano state le tre qualità, abilità o aree di conoscenza che hanno avuto il maggiore impatto nel tuo viaggio? Che consigli hai per le persone che sono all'inizio del loro viaggio in termini di come possono sviluppare o migliorare tali tre aree?

Credo di aver avuto un percorso ed un background molto particolari, dove multimedialità e filosofia sono una cosa sola, per riassumere e usare parole schematiche. Con tutto ciò che c’è nel mezzo e intorno. Il primo obiettivo che bisogna avere per fare vera arte è la volontà di lavorare sulle connessioni, tra tecniche e materiali, tra livelli di percezioni e tra l'essere umano e l'universo. Imparerai le competenze e le abilità di cui avrai bisogno per essere connesso alla vocazione di fare arte.

Non ci saranno schemi o regole che altri hanno fatto per te, potresti averne bisogno per ogni evenienza, principalmente lavorando nella terra della creazione dove l'obiettivo vero e unico è afferrare la conoscenza e diffonderla per il bene di te stesso e dell'intera razza umana.

Sai di essere un'energia principale in azione che utilizza le tecniche e le tecnologie per creare e comprendere, quindi per condividere e diffondere. L'azione di lavorare e creare è tutto ciò in cui ti trovi (il modo in cui lo fai) e nessun soggetto può spostarti dal percorso (le cose che puoi fare).

Non ci sarà alcuno scopo finale se non quello principale, l'unico e il più importante, quello che rimane, quale essere cosciente e pensante aperto alla connessione con il senso più puro e originario dell'esistenza.

“Non smettere mai di credere”. Non si tratta infatti di credere ma di essere, e di essere nell'apertura verso il senso originario.

Mentre concludiamo la nostra chiacchierata, c'è un libro che puoi indicare alle persone che è stato significativo per te e per il tuo sviluppo?

Molte volte nella mia vita – scrivendo, pubblicando, essendo intervistata – ho avuto l’occasione di condividere gran parte della mia bibliografia. Prima di tutto, essa è inclusa nei miei libri che sono disponibili in molti posti a partire dalla nostra piattaforma sul sito jadysdanieles.com. Uno di questi è disponibile anche in inglese ed è la mia raccolta di poesie. Quindi puoi fare riferimento al mio sito web principale per eventuali brevi articoli che ho scritto e condiviso gratuitamente. Dato che ho sempre lavorato sulle connessioni/ramificazioni e su più livelli – riassumendo diciamo tra filosofia e tecnologie -, la mia storia e la mia biografia, anche su Wikipedia, sono ovunque ricchissime di riferimenti letterari come lo sono anche i miei dischi musicali. L'ultimo disco che ho pubblicato, Spannung, ha un booklet di 32 pagine pieno di fotografie e che si apre con un saggio. Tutti questi campi in cui ho lavorato costituiscono il mio modo di fare arte e, come cerco sempre di sottolineare, credo che l'essere umano sia sulla terra con lo scopo di creare, che è la stessa cosa di pensare, dove pensare è creare pensieri e coscienza, non un'operazione meccanica del cervello. È l'essere in apertura verso il significato originario stesso.

Detto questo, elenco qui alcuni titoli. Gilles Deleuze, Cos’è l’atto di creazione?, da una conferenza del 1987. E: Jacques Derrida, L’Écriture et la différence, pubblicato per la prima volta nel 1967. Entrambi in Francia.

Il mio invito è quello di aprirsi all'insieme delle ramificazioni. E questo è un invito “sospeso” a farlo.

Probabilmente vi troverete a toccare una serie di pietre miliari dalla valenza epistemologica, come il libro di Michel Chion, Audio-Vision, 1993. Non è solo un libro sul suono sullo schermo. Probabilmente è il punto in cui inizi a connettere la tecnologia con la creazione con tutte le nuove conoscenze a cui si fa riferimento.

Altri due grandi esempi sono Die Frage nach der Technik [La questione della tecnica] di Martin Heidegger, basato su una conferenza del ciclo Arts in Technical Age tenutasi a Monaco di Baviera il 18 novembre 1953: e L'opera d'arte nell'epoca della su riproducibilità tecnica, di Walter Benjamin, pubblicato per la prima volta nel 1936, anche in Germania.

Come lavoro con le tecnologie e la filosofia allo stesso tempo?

Poiché ciò che la tecnologia fa entrando nel mondo degli esseri umani è un completo cambio di paradigma, le cose non saranno e non saranno mai percepite come prima quando l'uomo inizierà con la fotografia e poi con la registrazione di musica e cinema nel lontano 19° secolo.

Da quel momento in poi la realtà potrà essere riprodotta perfettamente in un secondo o arco di tempo fisso, e vedendo quel secondo in una fotografia o quell’arco di tempo in una scena di un film, gli occhi dell’uomo iniziano ad essere in grado di analizzare la realtà stessa come mai prima d’ora. Poi ho pensato che il suono andasse ancora oltre, e su tutto questo sto ancora scrivendo un saggio che è anch'esso un progetto in corso.

Si tratta di essere aperti sempre un pò di più alla comprensione del significato originale di ciò che siamo veramente. E condividere è per il nostro proprio bene e quello dell'umanità.

CANVAS REBEL, 5 SETTEMBRE 2023.

Va bene, e così oggi abbiamo l'onore di presentarvi Romina Daniele. Pensiamo che apprezzerete la nostra conversazione, l'abbiamo condivisa qui di seguito.

Buongiorno, ed è un vero piacere per me parlare con te e scrivere per la vostra rivista oggi. La risposta è in tutta la storia dietro la mia missione. Sono una compositrice di musica con un background nelle tecnologie e negli studi classici, e una ricercatrice multimediale laureata in Cinema. La fotografia e la storia dell'arte costituiscono solo i pilastri fondamentali di mega campi come questi. Ho conseguito due lauree magistrali e ho ottenuto un riconoscimento globale attraverso le mie pubblicazioni discografiche e di libri. Ho percorso estensivamente sia percorsi filosofici che multimediali. E ho potuto spiegare attentamente tutto il processo che mi ha portato a lavorare con la fotografia nell'intervista per Voyage Miami di cui lascio qui il link, poiché questo articolo è diverso dal precedente e i lettori potrebbero avere la curiosità di approfondire alcuni punti: http://voyagemia.com/interview/check-out-romina-danieles-story

Tutti questi campi in cui ho lavorato costituiscono il mio modo di fare arte, che è per me una forma di vocazione spirituale: credo che l'essere umano sia sulla terra con lo scopo di creare, che è la stessa cosa di pensare, dove pensare non è un'operazione meccanica del cervello ma l'“essere dentro” tutt'uno con la percezione, e la creazione stessa, della coscienza, per dire l'essenziale con una parola semplice.

Ho dipinto su grandi tele con oli e ho cantato il mio blues. Ho suonato musica elettronica e classica su diversi tipi di palcoscenici in Europa e ho gestito un locale di musica dal vivo a Miami. Contemporaneamente ho lavorato ad un saggio di 1000 pagine sulla società contemporanea e riguardante le tecnologie e la voce, connessa al significato dell'essere (e questo è un progetto in corso).

Quando offro un servizio fotografico, offro tutta la mia conoscenza per realizzare le immagini desiderate in accordo con il mio stile che è consistente e, detto tutto ciò, mi concentro nel creare arte con le immagini nello stesso modo in cui posso fare con il suono o anche meglio.

Romina, prima di passare ad altre domande di questo tipo, puoi prenderti un po' di tempo per aggiornare i nostri lettori su di te e su cosa fai?

RominaDanielePhotography.com è il terzo ma non meno importante campo in cui lavoro attivamente e con orgoglio. I primi due sono legati a RominaDaniele.com (la mia musica e i miei scritti) e JadysDaniels.com (ora legato a Rdm Records, per le nostre produzioni e attività musicale live). Ho fondato queste ultime con il mio partner Lorenzo Marranini in circa 15 anni di vita e Jadys Daniele è il nome di nostra figlia di sei anni. Posso fornire ai clienti sia foto che video e il feedback più apprezzato che ho ricevuto da loro riguarda l'obiettivo profondo che riescono a percepire dal mio approccio e da ciò che creo. Credo che si riferiscano all'arte stessa o al modo in cui l'universo può parlare con loro attraverso le mie creazioni, ecco perché ho iniziato questo articolo dicendo che il significato dell'essere umano è creare. C’è una connessione con l’universo, da cui ognuno di noi proviene, e che riguarda la capacità di cogliere un po’ dell’immensità di ciò che siamo veramente.

Come dico spesso, prendendo in prestito il linguaggio dai teorici del cinema, quando cogli l’attimo con una fotografia, e fissi l'immagine sul supporto, riesci davvero a vedere e scoprire dettagli e fatti che altrimenti non potresti vedere. Ed è sempre l'alba.

(Che è la seconda cosa che amo fotografare, e la prima è mia figlia, come puoi vedere dalle immagini allegate a questo articolo).

Per te, qual è l’aspetto più gratificante dell’essere un creativo?

Avere la capacità di condividere quella che ho appena chiamato una piccola parte di immensità di ciò che siamo veramente. Le persone possono sentire una sorta di diffusione speciale da ciò che ottengono e in cui si trovano, e saranno arricchite dall'insieme di fotografie imparando qualcosa di nuovo su se stesse. Ciò non è esattamente legato all'imponenza high tech dell'ultima uscita cinematografica o simili, ma all'arte stessa che si muove attraverso la qualità e la tecnologia, ma essendo l'unica, ultima e insostituibile essenza immateriale. Si può guadagnare con l’arte, ma non si può fare arte con il solo scopo di fare soldi, perché l’arte riguarda il significato ultimo dell’essere umano – quello unico e più importante, quello che rimane – quale essere cosciente e pensante, connesso con il senso più puro ed originale dell'esistenza. Condividere è l'obiettivo.

D’altro lato, catturare i momenti speciali delle persone è importante. Ogni giorno partecipo ad ogni tipo di emozione.

Parliamo adesso di resilienza: hai una storia che puoi condividere con noi?

Ciò è illustrato dalla mia stessa storia. Posso cambiare forma: cantare, comporre, fare concerti, produrre, realizzare fotografie e video, gestire un locale musicale. Ma posso solo fare e diffondere arte.

Contact Info: